Coltivare lo zafferano, l’oro rosso della cucina!

in: Cucina - tag: crocus sativus cucina oro rosso zafferano - il: 7 agosto 2018
Conosciamo tutti lo zafferano come una delle spezie più costose al mondo, come l’ingrediente che dà il tipico colore giallo al risotto alla milanese, come qualcosa di delicato che impreziosisce i piatti.

Lo za’hafaran, come lo chiamano gli arabi (che significa giallo), è originario dell’Asia minore. Scientificamente noto come Crocus sativus, appartenente alla famiglia delle Iridacee, è una piccola pianta alta dai 15 ai 40 cm.

COME COLTIVARE LO ZAFFERANO

La coltivazione parte in agosto dall’interro dei bulbi, detti anche cromi, su terreno ben drenato in posizione soleggiata, ad una profondità di 5-8 cm con le “punte” verso l’alto. Si tratta infatti di bulbi autunnali ad impianto precoce, perchè inizieranno a produrre fiori già da ottobre fino a tutto novembre. Ogni fiore possiede in media 3 stigmi che appaiono come filamenti di colore rosso aranciato: ecco lo zafferano! Per non rovinare i pistilli, le operazioni di raccolta vanno eseguite rigorosamente a mano, staccando uno per uno, i tre stigmi. Saranno poi trasferiti in un luogo asciutto per l’essiccazione.

Bulbi di Crocus Sativus disponibili in vasetto coloratoBulbi di Crocus Sativus disponibili in vasetto colorato
Crocus Sativus in fioreCrocus Sativus in fiore
La raccolta degli stigmi di zafferanoLa raccolta degli stigmi di zafferano
Essiccazione dello zafferanoEssiccazione dello zafferano
Lo zafferano nella cucina italiana: il risotto alla Milanese!Lo zafferano nella cucina italiana: il risotto alla Milanese!
Confezioni di 10 Crocus Sativus disponibili a Il GermoglioConfezioni di 10 Crocus Sativus disponibili a Il Germoglio
Lo zafferano: l'oro rossoLo zafferano: l'oro rosso

COME SI USA LO ZAFFERANO

Attualmente viene utilizzato dall’industria alimentare e in gastronomia come spezia o colorante: a contatto con i liquidi produce una colorazione intensamente gialla. Uno dei suoi utilizzi più tipici nella cucina italiana è nel risotto alla milanese, in quella spagnola nella paella Valenciana.

CURIOSITÀ

      • se è la spezia più costosa del mondo un motivo ci sarà! Per 1 kg di zafferano, ci vogliono ben 500 ore di lavoro e circa 150.000 fiori;
      • leggenda narra che Alessandro Magno si lavava i capelli nello zafferano per mantenerne il meraviglioso colore arancione lucido;
      • ci sono norme internazionali che definiscono le sue qualità, stabilendo 4 categorie in base a colore, aroma e sapore. Esistono anche degustatori professionisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *