Coltivare le Bromeliacee: poca manutenzione, colori assicurati!

in: Piante e Fiori - tag: ananas bromelia bromeliacee tillandsia - il: 22 novembre 2018
Le Bromeliacee sono simbolo di vivacità, fantasia e capacità di esprimere i propri sentimenti.

La famiglia delle bromeliacee comprende circa 50 generi e oltre 3400 specie, molte delle quali vivono aggrappate a tronchi e rami di alberi. Originarie dell’America centrale, la loro forma e i loro colori parlano di terre calde ed esotiche, esprimendo la grande vitalità degli ambienti tropicali.

Questa famiglia stupisce per l’incredibile varietà di colori delle foglie e delle brattee (foglie trasformate e colorate) all’interno delle quali si formano i fiorellini veri e propri. Esistono varietà con sfumature calde (arancio, rosso, giallo) e altre con tonalità rosa e viola. Alcune Tillandsie hanno splendide foglie grigio-arancio.

COME COLTIVARE LE BROMELIACEE

Sono piante che trovano spazio in qualsiasi ambiente, molto adatte per i Kokedama (le piccole piante su sfere di muschio da appendere) e per i terrari in vetro. Le bromeliacee amano il caldo umido, vivono bene sopra i 16-18°C, non hanno paura del troppo caldo ma non tollerano il sole. Richiedono posizioni con luce filtrata, come avviene in natura (vivono sotto le foglie degli alberi), distanti da fonti di calore e riparate da correnti d’aria fredda.

Non hanno bisogno di molte cure, anzi, sono semplicissime da gestire: basterà vaporizzare spesso acqua non calcarea sul fogliame e controllare che il substrato sia umido ma non fradicio. Le foglie basterà pulirle con un panno umido (non usare il lucidante fogliare).

CURIOSITA’:

  • La Tillandsia, chiamata anche “muschio spagnolo”, non ha radici e vive appesa ai rami degli alberi;
  • L’Ananas è una Bromeliacea; il frutto richiede più di un anno per formarsi in clima tropicale;
  • La Bromeliacea più grande è Puya raimondii; cresce fino ai 4800m di altitudine in Perù e Bolivia e arriva a oltre 4 metri di altezza; è fra le poche Bromeliacee che resiste al freddo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *