Coltivare i garofanini: colori e profumi in giardino!

in: Piante e Fiori - il: 6 marzo 2018
I garofanini nel linguaggio dei fiori sono simbolo della promessa di fedeltà in amore e in amicizia


I garofanini, noti anche come Dianthus, sono delle piante annuali o perenni  dalla fioritura deliziosa e durevole. Disponibili in una vasta gamma di colori, sono ideali nelle aiuole, nei giardini rocciosi e nei balconi in ciotole o cassette. Alcune varietà hanno un profumo intenso e inequivocabile, con una punta speziata riempie l’aria di una fragranza che sa del calore dei giardini dei nostri nonni.

COME COLTIVARE I GAROFANINI

I garofanini amano il sole, senza il quale non fioriscono, ma in piena estate è preferibile una posizione di ombra, magari ventilata, nelle ore più calde. A seconda delle varietà, i fiori semplici o doppi, sbocciano da marzo/aprile a settembre: i fiori appassiti si tolgono man mano, per favorire i nuovi boccioli. Queste piante richiedono annaffiature moderate, evitando con cura i ristagni d’acqua.

CURIOSITA’

  • Infinita gamma di colori, in tutte le declinazioni del bianco, giallo, arancio, rosa, fucsia, lilla, anche screziati o con fiori dal bordo colorato. Ma non esiste il colore azzurro o blu;
  • Pianta venduta in tutti i Paesi, è particolarmente amata in Giappone dove viene considerato un augurio di buona guarigione;
  • La spezia chiamata “chiodi di garofano” non proviene dai garofani: si tratta invece dei boccioli essiccati di una pianta dell’Asia tropicale: Eugenia caryophyllata.

Scarica qui la scheda tecnica completa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *