Come irrigare le piante quando siamo in vacanza: ecco tutte le soluzioni

in: Come? - tag: irrigazione - il: 14 luglio 2017
Irrigare le piante quando siamo in vacanza è un problema di molti in questo periodo. Ecco tutte le soluzioni disponibili sul mercato e, ovviamente, al Germoglio Garden Center!

irrigare le piante quando siamo in vacanza

Il modo migliore per irrigare le piante e il tappeto erboso del giardino mentre siamo assenti è senza dubbio un impianto di irrigazione gestito da una centralina: in questo modo risolverete il problema tutto l’anno e non soltanto nei giorni di vacanza. Con un’opportuna programmazione dei cicli di irrigazione e un sensore di umidità collegato all’impianto, sarete sicuri di apportare la giusta dose di acqua alla vegetazione, senza il rischio di irrigare mentre piove.

Un impianto di irrigazione controllato da una centralina è la soluzione ideale per irrigare anche le piante sul terrazzo in nostra assenza, a patto che sia presente un rubinetto all’esterno dell’abitazione. Il motivo è molto semplice: quando lasciamo l’appartamento per una vacanza, più o meno breve, normalmente non amiamo lasciare finestre sfessurate per permettere al tubo di uscire sul terrazzo. Inoltre le centraline, come tutti gli apparecchi elettronici, sono soggette al rischio di guastarsi. I microchip sono garantiti al 99,99%, ma è vivamente sconsigliato correre lo 0,01% di rischio: in caso di perdita, per i vicini o i pompieri sarà facile interrompere l’erogazione dell’acqua se la centralina è all’esterno, molto meno se è chiusa nell’appartamento.

IRRIGARE LE PIANTE QUANDO SIAMO IN VACANZA: PER BREVI PERIODI

Abbiamo però a disposizione molte soluzioni per irrigare le piante in vaso, in casa o sul terrazzo, senza ricorrere alla rete idrica o elettrica, in modo quindi totalmente indipendente.

Se dobbiamo lasciare incustodite le nostre amate piante per brevi periodi, da un week end o un paio di settimane, possiamo optare per almeno tre soluzioni: gli erogatori da installare sulle normali bottiglie di plastica, l’acqua in gel e gli irrigatori microporosi.

Irrigatore con riserva d'acquaIrrigatore con riserva d'acqua
Irrigatore con riserva d'acquaIrrigatore con riserva d'acqua
Acqua in gelAcqua in gel

I primi sono dei semplici irrigatori concepiti per essere avvitati sulle normali bottiglie di plastica: piantati nel terreno del vaso, garantiscono un lento rilascio di acqua alle radici. La durata dipende quindi dal contenitore. Ci sono molti modelli in commercio, da quelli più semplici a quelli con i regolatori di flusso in funzione dei giorni di assenza e di pratici picchetti, che evitano la caduta della bottiglia, specie se il vaso è sul terrazzo all’aperto e quindi esposto ai venti.

Un’altra soluzione è l’acqua complessata, che è disponibile in gel o in morbide palline: è sufficiente depositarla nel terreno e, col passare del tempo, rilascerà acqua alle radici. Anche in questo caso la durata dipende dalla dose di acqua complessata e dalla dimensione del vaso.

Acqua in granuliAcqua in granuli
Irrigatore microporosoIrrigatore microporoso
Set con pompaSet con pompa

Gli irrigatori microporosi, spesso realizzati in terracotta o materiali naturali simili, sfruttano il principio dell’osmosi: inseriti nel vaso e collegati a un contenitore d’acqua, “pescano” l’acqua necessaria quando il terreno lo richiede. In questo caso la durata dipende dalla dimensione del contenitore, ma per lunghi periodi vi consigliamo di leggere il prossimo paragrafo.

PER PERIODI PIU’ LUNGHI

Se ci allontaniamo da casa per lunghi periodi o se abbiamo tanti vasi da annaffiare, meglio ricorrere a sistemi più complessi, in taluni casi anche indipendenti dalla rete elettrica.

Set cordless con batteriaSet cordless con batteria
Set con pompa testSet con pompa test
Set a energia solareSet a energia solare

Si tratta di impianti composti sostanzialmente da una rete di irrigatori a goccia, collegati a un serbatoio di riserva d’acqua, controllato da una pompa, una centralina o un’elettrovalvola, a seconda del modello, che erogano la giusta quantità d’acqua alle piante nel corso del periodo di tempo impostato.

Per il loro funzionamento, possono utilizzare il normale collegamento elettrico, ma esistono modelli completamente indipendenti che sfruttano le batterie e l’energia solare.

Utensili a batteria per il giardino: una soluzione amica della naturathumb

Utensili a batteria per il giardino: una soluzione amica della natura

il : -in: Come?

Gli utensili a batteria per il giardino sono la soluzione ideale: meno rumori, meno vibrazioni, meno inquinamento e tanta più ...

Continua a leggere
Ricette sul barbecue: 5 video-idee originali da Weberthumb

Ricette sul barbecue: 5 video-idee originali da Weber

il : -in: Cucina

5 nuove video ricette sul barbecue per stupire i tuoi amici: dalle cozze ai tartufi di cioccolato. Con il barbecue, ...

Continua a leggere
Come coltivare il Delosperma: per chi vuole fiori fino in invernothumb

Come coltivare il Delosperma: per chi vuole fiori fino in inverno

il : -in: Piante e Fiori

Coltivare il Delosperma dà grande soddisfazioni perché è una pianta che si caratterizza per la lunga fioritura e per la ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *